Terriccio per Piante Grasse: Prezzi e Offerte

Terriccio per Piante Grasse: Prezzi e Offerte per i Migliori Terricci per Piante Grasse in Vendita Online.

Le piante grasse vengono spesso acquistate perché richiedono poche cure. Si tratta di vegetali che sono abituati ad affrontare luoghi particolarmente ostili e si sono adattati ai panorami desertici modificando il loro apparato radicale e fogliare in modo da prelevare ed immagazzinare la maggior quantità di acqua possibile. Crescono in distese di sabbia e producono fiori bellissimi che possono sbocciare in casa o sul balcone a condizione di seguire qualche piccolo suggerimento.

Terriccio per Piante Grasse

Un terriccio ideale per le piante grasse deve presentare caratteristiche specifiche che rispondano alle esigenze di queste piante succulente.

La composizione di un buon terriccio per piante grasse dovrebbe incorporare elementi che favoriscano il drenaggio rapido e la gestione efficace dell’umidità. Questo può essere ottenuto attraverso l’uso di una miscela leggera contenente sabbia grossa, perlite o vermiculite, che prevengono il ristagno d’acqua e promuovono una buona aerazione delle radici.

Inoltre, il terriccio dovrebbe contenere una modesta quantità di materia organica, come compost o substrato specifico per piante grasse, per fornire nutrienti essenziali e migliorare la struttura del suolo. La composizione dovrebbe essere povera di sostanze nutritive rispetto ai terricci standard, poiché le piante grasse prosperano in terreni meno ricchi e preferiscono condizioni più aride.

Un pH leggermente acido a neutro è spesso preferibile, poiché molte piante grasse sono sensibili a terreni eccessivamente alcalini. Infine, la miscela dovrebbe essere porosa per consentire alle radici di respirare e prevenire la compattazione del terreno.

In sintesi, un buon terriccio per piante grasse deve enfatizzare il drenaggio, l’aerazione e una moderata fornitura di nutrienti, creando così un ambiente ottimale per il benessere e la crescita di queste affascinanti piante succulente.

Come comporre il terriccio per piante grasse

Quello che è noto delle piante grasse è che non è necessario annaffiarle molto, ma a volte si trascura il fatto che soffrano dei ristagni d’acqua. Questi possono essere evitati solo attraverso l’utilizzo di un terriccio per le Piante Grasse specifico per le loro esigenze che, in qualche modo, possa riprodurre il terreno in cui si trovano in natura.

La caratteristica fondamentale che deve avere la miscela per Piante Grasse con cui si va a riempire il vaso è la drenabilità. Questa si ottiene aggiungendo al terriccio di base materiali che facilitino il passaggio dell’acqua ed evitando che si formino grumi spontanei quando si effettuano le annaffiature.

La strada più semplice è quella di acquistare un terriccio già pronto specifico per piante grasse controllando la sua composizione interna. Si può altrimenti comporre la mistura unendo terriccio universale con sabbia e perlite in parti uguali. Se non si dispone della perlite per la Terra per Piante Grasse si possono unire due parti di sabbia. Questa deve essere a grana grossolana, poiché quella troppo fine può compattarsi con l’acqua come avviene quando si fanno i castelli di sabbia sulla spiaggia.

Il risultato finale della miscela deve scorrere facilmente tra le mani e, a contatto con l’acqua, deve rilasciarla rapidamente. L’apparato radicale delle piante grasse si è evoluto appositamente per raccogliere velocemente l’acqua mentre passa e intercettare tutta l’umidità presente. Nel deserto è sufficiente la rugiada del mattino per far sviluppare la pianta.

Terriccio per Piante e Umidità

La formula presentata per il Terriccio Piante Grasse è adatta in particolare quando la pianta viene collocata in ambienti o climi umidi, mentre quando la sua collocazione è sopra il termosifone oppure in luoghi molto ventilati si può sostituire una parte di sabbia o la perlite con la torba che, allo stesso tempo, conferisce un maggior potere nutritivo.

Le piante grasse non hanno bisogno di un eccessivo nutrimento e quindi non si devono utilizzare fertilizzanti particolari, ma questi possono essere utili nella stagione della fioritura per rendere più ricca la terra in cui sono collocate.

Al termine del rinvaso della pianta, per un maggior isolamento dall’umidità, si può collocare sulla superficie del terriccio della ghiaietta oppure dei piccoli ciottoli, in modo da tenere separata la base della pianta dall’umidità. La presenza di eccessiva acqua nella Terriccio per Piante Grasse provoca la marcescenza delle radici e di tutta la pianta. Questo è il problema principale in seguito al quale il vegetale viene a mancare.

Quando serve cambiare il Terriccio alle Piante Grasse

Le piante grasse non hanno necessità di avere frequenti rinvasi. Questo perché la loro crescita è lenta e pertanto non è necessario aumentare le dimensioni del vaso sovente. Inoltre, non occorre inserire ammendanti e fertilizzanti nel terriccio. Curando la propria pianta si può notare una maggiore compattezza della terra rispetto a quello che sarebbe auspicabile.

In questi casi può essere utile controllare meglio il terriccio ed eventualmente cambiarlo. Questo può avvenire perché la sabbia è stata trascinata dall’acqua verso il basso lasciando il terriccio universale più a contatto con la pianta. Un segnale di allarme si può avere quando si annaffia e dal vaso sembra che l’acqua sgorghi più lentamente nel sottovaso. In queste circostanze è opportuno verificare la terra e provvedere ad una nuova miscela.

Altro Terriccio Per Piante

Altri tipi di Terriccio per Piante presenti sul sito:

  1. Terriccio per Orchidea;
  2. Terriccio per Sanseveria;
  3. Terriccio per Orto;
  4. Terriccio per Peperoncini;
  5. Terriccio per Cannabis;
  6. Terriccio per Ciclamini;
  7. Terriccio per Gerani;
  8. Terriccio per Rose;
  9. Terriccio per Fragole;
  10. Terriccio per Ortensie;
  11. Terriccio per Mirtilli;
  12. Terriccio per Talee;
  13. Terriccio per Bonsai;
  14. Terriccio per Azalee.