> > Illuminazione Esterna : Giardini e Parchi a Luci LED

L’Illuminazione Esterna di Giardini e Parchi è di importanza fondamentale, dato che un buon impianto a luci LED permette di godere questi spazi a qualsiasi ora.

Illuminazione Esterna da Giardino a LED

Grazie ad una corretta installazione di illuminazione da giardino LED possiamo infatti ampliare lo spazio della casa, sia in senso funzionale (creando una zona lavanderia o una zona gioco, ove non sia possibile ricavarli all’interno della casa per ragioni di spazio), sia per goderci il piacere che la calde serate estive ci possono regalare, in compagnia di amici, della famiglia o, perché no, in totale solitudine per approfittare di qualche momento di sano relax.

Inoltre, una buona illuminazione da giardino LED garantisce più sicurezza, che non si avrebbe, invece, lasciando lo spazio esterno al buio e correndo così il pericolo di un’esposizione a furti o intromissioni, nonché rischi per l’incolumità della persona e dei familiari.

La scelta di lampioni o lampioncini per l’illuminazione esterna LED, sebbene debba essere fatta secondo il proprio gusto personale, presuppone alcune conoscenze tecniche di base dalle quali non si può prescindere se si vuole fare una scelta oculata e soddisfacente.

L’impianto principale dovrà essere installato da subito e, solo successivamente potrà essere completato attraverso l’installazione di ulteriori elementi che caratterizzeranno alcune zone del giardino.

Per cui, individuate le caratteristiche dei punti luce, si potrà poi decidere quale tipo di illuminazione installare tenendo conto che, attualmente, la tendenza delle aziende è proporre di sostituire le lampadine con i LED o, comunque, con soluzioni a basso consumo energetico.

Quando si parla di basso consumo energetico, non si fa riferimento soltanto ad un risparmio individuale nel lungo termine, ma piuttosto ci si riferisce al basso impatto che le nuove soluzioni hanno sull’ambiente, aspetto decisamente importante, che va ben aldilà della convenienza del singolo individuo e, data la situazione ambientale attuale, sarebbe certamente cosa buona acquisire questo tipo di consapevolezza.

Insomma è una presa di coscienza ecologica importante ma che non ci vincola anzi ci apre un mondo di soluzioni.

Il mercato propone svariate soluzioni interessanti in materia di illuminazione esterna da Giardino con i LED e, con questa guida, cercherò di dare evidenza ad alcuni aspetti tecnici, così da individuare la soluzione più appropriata e non perdere tempo e danaro facendo acquisti inadeguati.

Illuminazione Parchi: LED come scelta inevitabile

In materia di illuminazione LED, alcune considerazioni devono essere fatte con riferimento ai parchi sia pubblici che privati dato che, ad oggi, si ritiene che non si possa più fare a meno del ricorso ai LED per diverse ragioni.

Prima fra tutte, il minor dispendio energetico e, a seguire, i ridotti costi di manutenzione per via della buona durata dei LED. Infine la garanzia di una maggiore sicurezza per via di una migliore qualità della luce.

Sappiamo quanto i parchi siano importanti in ogni città o paese, perché la presenza del verde migliora la qualità della vita della popolazione che ci abita.
Diventa allora di fondamentale importanza una buona illuminazione parchi, affinché sia consentita una permanenza piacevole e sicura.

Illuminare un parco di medie dimensioni comporta diversi Lumen e, pur cercando di contenere l’illuminazione a livelli bassi, gli assorbimenti di potenza risulterebbero, comunque, molto costosi e non sarebbero minimamente eco-sostenibili. Passare al LED per l’illuminazione del parco significherebbe avere, a parità di Luce, un dispendio energetico decisamente più contenuto.

Sappiamo tutti cosa significa trovarsi in un parco durante le ore serali e restare al buio, dato che era una situazione che si verificava molto di frequente quando i parchi venivano illuminati con le lampada di tipo tradizionali.

Con le lampare al sodio quando invecchiano, una volta accese per un periodo lungo si scaldano ed arrivando ad alte temperature si spengo per poi riaccendersi una volta raffreddate. Una volta passati al LED, o meglio alle lampade LED installate nei lampioni queste problematiche saranno svanite.

Cosa non meno importante, posto che i LED conferiscono una luminosità molto maggiore e nitida rispetto alle tradizionali lampadine, il livello di sicurezza dei parchi, soprattutto se teniamo conto del fatto che la qualità delle immagini riprese dalle videocamere di sorveglianza, sarà di gran lunga superiore utilizzati in percorsi e camminamenti del parco avremmo sicuramente un risultato ottimo per utilità, sicurezza e bellezza.

L’illuminazione dei parchi, sovente, completa quella delle ville storiche o delle masserie e viene progettata a cura di un architetto paesaggistico, specializzato in materia, che si occuperà di trovare tutte le soluzioni più funzionali e suggestive, oltreché sicure.

Efficienza Luminosa

Per avere un’illuminazione da Giardino, questo vale anche per l’illuminazione di un parco, che abbiamo un consumo energetico basso, occorre valutare quella che in gergo tecnico viene definita efficienza luminosa, ossia il rapporto esistente tra Lumen e i Watt, dove i primi non altro che la quantità di luce emessa, mentre i secondi indicano quanta potenza viene consumata per generare la luce l’unità di misura della efficienza energetica è indicata con Lumen/Watt.

Se si vuole fare davvero una scelta sensata e che offra la soluzione migliore per il proprio spazio all’aperto, non si può non tener conto di questa proporzione quando si sceglie l’illuminazione per un giardino o per un parco.

Se partissimo dalla cosiddetta classificazione energetica (i famosi a A+) non ci aiuterebbe in alcun modo nella scelta. Se la pubblicità e marketing in generale facciano leva sull’aspetto del risparmio energetico, dobbiamo conoscenza che rispetto alla classificazione energetica scegliere i dispositivi a LED è una scelta superiore in tutti casi.

Si tenga presente che le lampadine incandescenti presentano un’ efficienza luminosa media di 10 lm/w, mentre le lampadine a LED hanno un’efficienza di circa 80-90 lm/w. e

Addirittura con soluzioni di tipo professionale è possibile arrivare a 200 lm/w.

Questa è una soluzione che offre una efficienza luminosa assai rilevante quando le potenze in gioco sono molte come appunto per l’illuminazione parchi.

Durata delle Luci da Giardino a LED

In commercio vi è un’ampia gamma di materiali di cui si compongono i dispositivi LED anche se la scelta del consumatore ricade spesso sul ferro, molto resistente, o in alternativa sui dispositivi in plastica pur essendo, questi ultimi, meno compatti dei primi.

Si trovano comunque anche lampioni, lampade o faretti, i cui supporti strutturali sono in allumino, acciaio inox, ottone, ghisa, legno, terracotta a seconda dei gusti e del contesto.

Tuttavia, per fare un acquisto sensato, aldilà del gusto personale, sarebbe meglio verificare che il supporto, in generale, del nostro punto luce da giardino prescelto sia resistente agli agenti atmosferici ed esterni, dato che funzione del dispositivo è proprio quella di proteggere i LED e deve quindi essere necessariamente resistente nel tempo.

Meglio quindi, in tal senso, non badare a spese quando ne va di mezzo la qualità e la durata del prodotto per cui, evitare gli acciai verniciati di seconda categoria, che avrebbero una resa molto limitata nonostante i costi siano più contenuti, e prediligete invece l’acciaio inox o altri materiali più resistenti.

Quanto sopra esposto, deve poi ovviamente essere contestualizzato, dato che vi sono luoghi in cui è indispensabile una resistenza ancora maggiore agli agenti esterni. Se, dovete installare i LED da illuminazione per giardino o parco nella vostra villa al mare, sarà meglio utilizzare un materiale speciale e specifico che garantisca di non doverli cambiare in pochi di anni.

Tra tutti i materiali esistenti, allo stato attuale, l’alluminio anodizzato trattato a bagno d’argento è il migliore in assoluto, perché capace di resistere anche all’usura dovuta alla salsedine per diversi anni.

Durata dei LED

Molto importante è poi considerare la durata che avrà il dispositivo acquistato.
La durata media delle lampadine LED è molto variabile, e può andare dalle 30000 alle 50000 ore, anche se, occorre precisare che negli ambienti esterni sono destinate a durare un po’ di più, perché sono più esposte a shock conseguenti ad accensioni e spegnimenti come negli ambienti interni di passaggio frequente.

Questa maggiore esposizione rafforza ulteriormente il concetto espresso poc’anzi circa l’importanza della struttura di supporto della luce, oltre che del LED.

Fondamentale è poi considerare il tipo di alimentazione e la dissipazione del calore, elementi determinanti per la durata di un dispositivo a LED, dato che nei LED integrati si ha l’applicazione di un’elettronica professionale, alimentata con trasformatori centralizzati o divisi per punto luce.

Si possono quindi raggiungere anche le 100000 ore di vita utile senza alcuna manutenzione e quando si parla di illuminare un parco significa abbattere i costi di gestione.

Consigli per l’illuminazione Esterna Parchi e Giardini

Di seguito alcuni consigli per illuminare parchi e giardini.

Meglio illuminare l’esterno con la Luce Calda

Quando si parla di illuminazione da giardino , occorre capire quale può essere la soluzione più adatta, dato che ad oggi esistono svariate opzioni.

Questa varietà di soluzioni non esisteva, invece, in passato dal momento che esistevano solo lampioni dalle tonalità calde, o comunque con bassa cromatura, in quanto alimentate solo da lampade alogene.

Le tipologie di luce attualmente esistenti sono tre e si tratta della luce calda, che si presenta gialla e si trova sotto i 3300k, la luce fredda, che è invece bianca (tendente all’azzurro) e va oltre i 5300k, e la luce neutra, che sarebbe la luce compresa tra 3300k e 5300k ed è la più bianca in assoluto.

Dopo che per l’illuminazione delle città c’è stato il passaggio ai LED, ci si chiede quale sia la luce più adatta ad illuminare gli ambienti esterni , tenendo conto che attualmente assistiamo, senza dubbio, ad una maggiore diffusione della luce calda e naturale.

Più precisamente, secondo alcuni studi, la luce calda sarebbe da preferire perché, nonostante non sia efficiente come la luce fredda o come la luce naturale, la luce calda non inibisce la melatonina, fenomeno che invece viene causato dall’utilizzo della luce fredda.

Inoltre una luce calda porta con sé un’atmosfera romantica e rilassante, mentre la luce naturale da comfort e senso di benessere.

La scelta sarà quindi del tutto personale, a seconda che vogliamo ricreare un’atmosfera rilassante o, al contrario, una situazione che ci mantenga attivi e svegli per cui, ad esempio, se all’esterno viene svolta un’attività lavorativa dovrà essere preferita la luce fredda.

Un particolare installazione di elettronica permette di avere LED di tutti i colori o di colori variabili. Con questi impianti LED possiamo nel vero senso della parola colorare lo spazio esterno o con colori fissi o con sequenze di colori.

Utilizzate nei pressi di una zona bar nel giardino, fontana o di una piscina. I LED in questo caso liberano la nostra fantasia o la creatività dell’architetto.

Illuminazione Esterna Giardini e Parchi Automatizzata

Un impianto di illuminazione esterna moderno sfrutta le tecnologie di automazione per accendere, spegnere, abbassare ed alzare le luci esterne del giardino o di un parco

Una di queste tecnologie serve per l’accensione e lo spegnimento di lampade, lampioni e faretti da giardino nel momento migliore cioè al crepuscolo.

Il funzionamento di un impianto crepuscolare, dipende dalla presenza di sensori luminosi collegati ad una centralina grazie ai quali, quando nasce o cala il sole, spegnerà o attiverà automaticamente le luci esterne.

Una forma di tecnologia più avanzata è da preferire, invece, specialmente se avete una casa domotica, e può consistere nell’installazione di un crepuscolare astronomico.

In tal caso un database, capace di elaborare in maniera molto precisa alba e tramonto sistematicamente, attiverà determinati input attraverso i quali si verificherà l’accensione e lo spegnimento delle luci della vostra villetta.

Indubbiamente, l’impianto crepuscolare astronomico è migliore, non solo perché tecnologicamente più avanzato, ma anche perché ha una durata più lunga, oltre ad essere invisibile.

L‘integrazione domotica dell’illuminazione per esterni a LED offre la possibilità di automatizzare con diversi scenari.

Uno di questi è quello di programmare l’intensità luminosa per diverse fasce orarie. Ad esempio l’illuminazione parchi ad un certo orario potrebbe tranquillamente abbassare i livelli di illuminazione mantenendo comunque una adeguata sicurezza. Questo porterebbe ad un incremento sostanziale del risparmio energetico.

Se abbiamo particolari punti o zone di passaggio da rendere sicuri ed ai quali donare uno stupefacente effetto scenico, è possibile usare dei sensori di presenza.

Lo scenario potrebbe essere i camminamenti di un parco che aumentano l’illuminazione vialetti al passaggio di persone.

Evita le Lampade Solari per l’Illuminazione Parchi e Giardini

In questa guida, mi permetto di andare controtendenza rispetto all’opinione comune secondo cui sarebbe conveniente utilizzare l’energia solare per l’illuminazione del giardino.

Dobbiamo infatti tener presente alcuni fattori che, a mio avviso, rendono sconveniente l’installazione delle lampade ad energia solare, primo tra tutti, il fatto che i pannelli non possono essere collocati ovunque, bensì solo nei punti del giardino in cui batte il sole, altrimenti la batteria difficilmente potrà ricaricarsi.

In secondo luogo, un problema correlato a quello precedente è che le lampade solari non si ricaricano con il maltempo, ragion per cui, nei periodi o nelle zone geografiche con continuo maltempo sarà difficile avere energia.

In terzo luogo i pannelli solari non garantiscono quell’armonia che abbiamo visto essere importante in ogni giardino che si rispetti.

Se poi ci aggiungiamo che costano quasi il doppio di una lampade led che emetta la stessa luce.

Il consiglio è quello di sfruttare l’energia solare con sistemi centralizzati da collegare all’impianto illuminazione esterna ed evitare quindi lampade con pannelli solari che in breve tempo smetteranno di fare il loro dovere.

Il Giusto stile delle Lampade da giardino

Riuscire ad avere un giardino o un parco che presentino elementi funzionali, ma al contempo, esteticamente gradevoli è il punto da cui gli architetti paesaggisti devono partire per concretizzare una progettualità di sicuro impatto visivo ed ambientale.

Teniamo presente che un esterno può essere in stile antico, classico, rustico o moderno e, ovviamente, la scelta delle lampade da esterno dovrà essere coerente con lo stile della casa e del giardino o del parco in questione.

La bellezza di un giardino è un fatto di stile e se tutti gli elementi presenti sono coerenti tra loro, luci comprese, l’effetto finale sarà di sicuro sorprendente.

Quindi lanterne a LED per una villa rustica di campagna, lampioni a LED in ferro battuto per una villa settecentesca e lampioni a LED moderni, applique o strisce LED per un’abitazione dallo stile contemporaneo, rappresenteranno la ciliegina sulla torta per un giardino valorizzato in maniera suggestiva ed unica.

Se siete poi persone estrose e creative, potrete anche osare interessanti contaminazioni dei diversi stili, proprio nello stesso modo in cui avviene nell’interior design, quindi sempre cercando di rispettare una certa coerenza e seguendo un file rouge che si ripeta armonicamente in tutto il contesto abitativo.

Curare l’Illuminazione Percorsi Pedonali

Non c’è giardino o parco dove non sia presente un camminamento. I sentieri che uniscono i vari punti focali di uno spazio aperto di questo tipo sono anch’essi coinvolti nell’impianto di illuminazione giardini o parchi. L’illuminazione Percorsi Pedonali permetterà ai visitatori di queste aree verdi di passeggiare tranquillamente senza inciampare in eventuali ostacoli.

Se sono presenti aiuole lungo i vialetti o sentieri dei faretti a LED all’interno dell’aiuola stessa che, proiettando la luce proprio in quel punto renderanno quel particolare angolo unico e speciale.

Nelle zone più buie del percorso pedonale potrebbero poi essere inseriti dei lampioncini, dei faretti LED da esterno o anche delle strisce LED, che sono sempre di grande effetto nei contesti più moderni e minimalisti in quanto permettono di avere un tipo di illuminazione lineare.

L’effetto visivo di queste soluzioni proposte è molto bello ed affascinante, non solo dall’interno del giardino, ma anche dal suo esterno. Con dal suo esterno intendiamo il colpo d’occhio che ha tutto l’ambiente quando lo vediamo a distanza.